Perdere peso in tempi rapidi e senza particolari rinunce è il sogno di tantissime donne ma ultimamente anche di molti uomini, in eterna lotta con la bilancia ed i chili di troppo che stentano ad andare via una volta per tutte.

Complici le festività pasquali prima e quelle natalizie poi, le cene fuori, qualche aperitivo dopo il lavoro ed uno stile di vita spesso sedentario, il girovita tende ad aumentare e dopo qualche mese sono molti coloro che non riconoscono più allo specchio la propria figura o, per meglio dire, ciò che vorrebbero realmente essere ai propri occhi e a quelli degli altri.

Per dimagrire velocemente e dire finalmente addio a rotondità, cuscinetti e ritenzione idrica, però,  è fondamentale scegliere un approccio diverso e decidersi a seguire uno stile di vita più sano.

Nonostante il cruccio dei chili in più sia per tantissime persone un problema prettamente estetico, infatti, il rischio maggiore accumulando peso non è tanto quello di non entrare più nei jeans preferiti quanto quello di aumentare sensibilmente le probabilità di andare incontro nel tempo a problemi di natura cardiovascolare.

Dimagrire velocemente richiede impegno, serietà ma soprattutto tanta costanza. Le vecchie abitudini dovranno essere gradualmente abbandonate per fare posto ad una nuova versione di sé che ama sentirsi bene e, di conseguenza, piacersi e piacere. La determinazione, insomma, rappresenta una parte fondamentale del percorso, la luce da seguire anche nei momenti più bui ma grazie alla quale le soddisfazioni non tarderanno ad arrivare.

Normopeso, sovrappeso o obesità? Ce lo dice il BMI

Sebbene spetti sempre ad un medico accertare il nostro stato di salute generale e l’eventuale presenza di un sovrappeso leggero o più grave, esiste un calcolo matematico abbastanza semplice grazie al quale possiamo capire in pochissimi minuti se in questo momento il nostro peso rientra in una fascia di normalità o se, a seconda del valore che otterremo, siamo leggermente o gravemente sovrappeso.

Il BMI, acronimo dell’inglese Body Mass Index (indice di massa corporea), ci permette infatti di capire in quale range si pone il nostro attuale peso mettendolo in rapporto con l’altezza. Il calcolo del BMI è particolarmente semplice: basterà dividere i chili del soggetto per il quadrato della propria altezza espressa in metri.

Facciamo un esempio concreto. Una persona che pesa 58 kg ed è alta 1,65 m, dovrà eseguire questo calcolo:

58/(1,65x1,65)

Il risultato in questo caso è di 21,32 ovverosia normopeso. I range di riferimento per il calcolo del BMI sono sette: gravemente sottopeso, sottopeso, normopeso, sovrappeso, obesità lieve, obesità media ed obesità grave.

Sebbene si tratti di un calcolo rapido e semplice grazie al quale inquadrare la propria situazione, il calcolo del BMI ha comunque lo svantaggio di non tener conto di altri parametri importanti quali il sesso, l’età, lo stile di vita, eventuali patologie e molto altro ancora. Tutti aspetti che invece potranno essere affrontati in maniera esaustiva con un nutrizionista.

Dimagrire col supporto di un professionista

Sia che si soffra di qualche patologia cronica, sia nel caso il soggetto abbia la fortuna di essere assolutamente sano, è bene tenere sempre a mente che scegliere di perdere peso porta con sé una serie di importanti cambiamenti nell’apporto nutrizionale giornaliero.

Tentare le classiche diete “fai-da-te”, oltre che rivelarsi controproducente per la salute causando scompensi talvolta anche gravi, sortisce spesso l’effetto opposto. Dopo un primo periodo nel quale i chili vanno via anche troppo velocemente, infatti, le eccessive privazioni conducono spesso alla ricerca di cibi ricchi di grassi e zuccheri raffinati che in poco tempo ci faranno ritrovare sulla bilancia il peso perso con gli interessi. Tutto questo senza contare il fatto che privarsi in maniera eccessiva di elementi quali i carboidrati può causare un rallentamento improvviso del metabolismo.

L’organismo, biologicamente programmato per la sopravvivenza, tenderà quindi a consumare sempre meno energia e quindi gli sforzi e le rinunce risulteranno ben presto vani.  Sono questi i motivi per i quali chi desidera dimagrire velocemente e senza riprendere i chili persi, dovrà rivolgersi ad un nutrizionista in grado di stabilire quali sono le condizioni di partenza del paziente (altezza, peso, misure, eventuale presenza di ritenzione idrica, adipe localizzato, valori ematici e così via) per stabilire insieme un percorso nutrizionale che rappresenti un modo per imparare a mangiare bene, prima ancora che per dimagrire.

L’importanza dell’attività fisica in un percorso nutrizionale dietetico

Per perdere peso ed evitare di riprendere i chili persi, mangiare bene non basta. Ad un regime alimentare che prediliga l’assunzione di frutta e verdura fresche, carni bianche e pesce cucinati in maniera sana e prodotti con un basso indice glicemico, è necessario associare un’adeguata attività fisica che ci permetterà da un lato di aumentare il metabolismo basale, permettendo così ai muscoli di bruciare di più e più velocemente, e dall’altro di aiutare il sistema cardio-vascolare a funzionare per il meglio riportando alla normalità valori come la glicemia ed il colesterolo, spesso più alti nella norma in caso di sovrappeso o obesità.

Quando non si ha particolare dimestichezza con gli esercizi fisici e non si sa davvero da dove iniziare, il consiglio è quello di farsi seguire da un personal trainer, un professionista in grado di comprendere le nostre personali esigenze di allenamento e contemporaneamente di consigliare gli esercizi migliori per evitare spiacevoli e dolorosi contraccolpi di muscoli e scheletro, in particolar modo quando si è poco allenati.

Quella del personal trainer è una figura che sta riscuotendo un successo crescente negli ultimi anni. Il segreto di un così largo consenso risiede nel fatto che con una persona che si occupa personalmente di ogni suo cliente, è più facile entrare in sintonia innescando un circolo virtuoso nel quale l’allenamento risulta meno pesante ed i risultati, di conseguenza, arrivano velocemente.

Allo stesso tempo, poi, è importante sottolineare che negli ultimi tempi l’idea tradizionale del personal trainer presente sempre e solo in palestra sta lasciando il passo ai cosiddetti personal trainer a domicilio, una figura particolarmente gradita soprattutto a coloro che non amano l’ambiente della palestra o che hanno davvero poco tempo a disposizione da dedicare allo sport.

Abbinare l’esercizio fisico costante ad un regime alimentare non solo ipocalorico ma anche perfettamente bilanciato a livello nutrizionale, aiuterà quindi a dimagrire velocemente e rimanere in forma a lungo.

Trovare i migliori professionisti per il tuo benessere

Per trovare i migliori professionisti per riuscire finalmente a dimagrire e vederti in forma, il consiglio è quello di rivolgersi a delle directory aziendali come SeekTips. Grazie al potente motore di ricerca interno, infatti, trovare e confrontare i risultati più pertinenti rispetto alla tua ricerca sarà semplice e veloce. I professionisti per il tuo benessere saranno filtrati in base alla zona di interesse e ti basterà un click per avere tutto a portata di mano.